TRAVEL

Lapponia – del vento del nord che congela tanta bellezza!

Viaggiatori, turisti, osservatori, viandanti ma, in fondo, rimaniamo sempre dei sognatori!
Mi ero ripromessa di iniziare l’anno nuovo facendo ciò che veramente mi rende felice così ho scelto di dar vita ad uno dei miei sogni di bambina.
Ho scelto di vivere una favola.
Appena abbiamo toccato terra e mi sono trovata avvolta dalla neve lappone ho sentito gli occhi umidi ed il naso smoccioloso.

7Forse perché ci siamo disabituati alla bellezza dei sogni che si realizzano, del cuore che sussulta, delle lacrime di gioia.
Abbiamo congelato i sentimenti senza arrivare al Polo Nord.
Così ho scelto di iniziare da lì, dallo scongelare il mio cuore su quella neve candida, dal farmi abbracciare da Babbo Natale, consegnargli la mia letterina, ascoltare il silenzio degli alberi addobbati e riempirmi il cuore.
Perché questo posto fa davvero bene al cuore.
Sforziamoci di credere perché se lì cacciano aurore boreali, noi possiamo cacciare sogni.
La mia prima notte del 2017 l’ho passata in un igloo ed ho brindato a me in un Ice Bar ghiacciato ma pieno di calore.

La Lapponia ha reso magico il mio inizio 2017!

8161820

E meglio circondarsi di persone che hanno girato il mondo, invece di quelle che credono che il mondo giri intorno a loro

In una notte piena di stelle mi è ricapitata tra le note questa frase che avevo salvato chissà quanto tempo fa.
Perché io appunto, segno, prendo nota, per fissare i pensieri ed i momenti che sento veramente miei.
E molto spesso sono i ricordi di viaggio.
In questa avventura abbiamo guadagnato il certificato per aver dormito all’interno di un Igloo, quello per aver oltrepassato la linea del Circolo Polare Artico, il timbro sul passaporto e sulle nostre letterine per Santa Claus.
Abbiamo immortalato i sorrisi del viso ma quelli del cuore, i migliori, li abbiamo impressi dentro.
Non mi stancherò mai di lasciarmi sorprendere dall’emozione mentre scrivo, dalle lacrime che si gelano sul viso quando un attimo diventa eterno.
Non mi stancherò mai di collezionare sogni: attraversare la foresta in motoslitta. cercare di accarezzare le corna di Rudolph senza farsi beccare  riscaldarsi intorno al fuoco nella tenda dei Sami, tra pancakes agli spinaci e salsicce ciccione, bevendo the caldo e parlando un misto di inglese e greco che i viandanti che ci accompagnavano erano greci di Atene, correre su una slitta trainati da Husky con gli occhi felici.

Respirare a pieni polmoni in capo al mondo.
Respirare il silenzio e la libertà.
Respirarsi.
Sentirsi vivi.

Secondo una leggenda lappone sono i “fuochi della volpe“, effetti di luce creati dalla coda di una grande volpe che colpendo la neve crea scie di colore nel cielo. Northern Lights, quelle che per noi sono le Aurore Boreali.
Esterno notte. Silenzio. Freddo polare. Tenda e fuoco acceso.
Attesa.
Come fosse una creatura leggendaria si fa desiderare ma soprattutto non si fa vedere da tutti.
Qui si va letteralmente a caccia di aurore, hunting lights.
I lapponi mi hanno spiegato che, molto spesso, ciò che l’occhio nudo non vede la macchina fotografica coglie.
È per questo che cavalletto e reflex sono fondamentali.
È per questo che la pazienza è indispensabile.

6.jpg

È stato decisamente più di un viaggio.

Avremmo bisogno di un ventaglio per le emozioni, così da condividerle. Da mandarle in circolo. Da farci avvolgere.

O, semplicemente, del vento del nord che congeli tanta bellezza   

9.JPG

Siamo arrivati in Lapponia passando per Helsinki dove ci siamo fermati un paio di giorni ma, ahimè, niente voli low cost.
L’ Igloo nel quale abbiamo dormito è lo Snowman World, con ristorante e bar di ghiaccio.
Visitabile ogni giorno dalle 11.00 alle 18.00.
Si scioglie a primavera e viene ricostruito ogni inverno.
Per cenare al ristorante vi consiglio di prenotare con largo anticipo perché è richiestissimo.
L’Hotel ( normale!! ) nel quale abbiamo alloggiato a Rovaniemi è L’Arctic Light Hotel.
Il tour nella foresta lappone, le gite con la slitta con gli husky e le renne, la caccia all’Aurora Boreale sono stati organizzati da Lapland Welcome.
Abbiamo mangiato ( da dio ) al Nili Restaurant , al Santamus  dove ho lasciato un pezzettino di cuore, al Frans&Cherie  dove ho mangiato il miglior hamburger della Finlandia ( ebbene sì, mi sono fatta tentare e per un giorno ho messo da parte il salmone finlandese a favore di un banalissimo panino! ).
Ho viaggiato moltissimo ma ogni volta che racconto di questo viaggio mi emoziono e ringrazio la vita per avermi dato la possibilità di arrivare fino a lì.
E non posso fare a mano di ringraziare voi che mi leggete e mi riscaldate il cuore ogni volta che mi chiedete un consiglio di viaggio.

4

Un viaggio non comincia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta.

In realtà comincia molto prima e non finisce mai, dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati.
È il virus del viaggio, malattia sostanzialmente incurabile ( R.K. )

www.composureonline.com composureitalia composure italy magazine on line rivista italia lifestyle moda beauty jpotter1826 jessica c potter composure news blogger mamme bambini genitori aTi è piaciuto questo articolo? Faccelo sapere commentando nel “box risposta” che trovi proprio qui sotto

9 commenti

  1. Complimenti Francesca, sei riuscita a trasmetterci le emozioni provate viaggiando in Lapponia. La lacrima che si congela, meravigliosa. E poi l’aurora boreale viverla e fotografarla deve essere qualcosa di spettacolare. Che disastro, adesso ho voglia di andarci anch’io. Ciaoo

    Liked by 1 persona

  2. So che posso abbracciarti in qualsiasi momento io abbia voglia….ed ora ne avrei voglia! Ma se non potessi farlo, attraverserei il mondo oer farlo! Grazie delle emozioni che riesci a regalare, condividendo con me( con noi) un pezzo di paradiso!😍

    Liked by 1 persona

  3. Grazie di cuore Bea!
    In effetti questo è uno di quei viaggi che ti entra dentro e ci resta.
    Smuove emozioni che, spesso, crediamo sopite.
    Ti da la forza di credere: alla magia, agli elfi, a Babbo Natale.
    Forse, molto più semplicemente, fa bene al cuore.
    Io ti auguro di andarci e di poter congelare quella lacrima di emozione che ti avvolgere e ti fa sentire viva ❤️

    Liked by 1 persona

  4. Mi emoziono ogni volta che ripenso, rileggo, ritorno con la mente li!
    Mi emoziono ogni volta, come fosse la prima, e sapere che tutto questo arriva anche a qualcun altro mi riscalda il cuore.
    Grazie Barbara ❤️

    Mi piace

  5. Grazie mille per l’augurio. Pensa che se io non organizzo ogni tot numero di mesi un viaggio mi sento male. Mio marito mi frena moltissimo e la mia irrequietezza aumenta. Cmque l’anno scorso ho fatto un on the road in America strepitoso e quindi non posso lamentarmi. Adesso volo per Riga. Ciaoo

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...